TSS Formazione e Lavoro

4 competenze per lavorare come addetto paghe e contributi

addetto paghe e contributi
Vuoi lavorare come addetto paghe e contributi? Scopri quali sono i requisiti fondamentali, quanto guadagna e il percorso da seguire per iniziare sin da subito.
Condividi l'articolo
Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email

L’addetto paghe e contributi è una figura molto richiesta, per tutti i settori lavorativi. In italia sono tantissime le aziende alla ricerca di questa figura professionale. Già questo dovrebbe essere un valido motivo per volerne sapere di più.

Sono tante le opportunità, e allora la domanda da porsi è semplice: da dove iniziare? Siamo partiti da qui per analizzare in dettaglio l’addetto paghe e analizzare esattamente cosa fa, le sue mansioni e le competenze necessarie oggi per poter iniziare a lavorare sin da subito.

Anche questa volta abbiamo chiesto ai nostri professionisti del settore: docenti e professionisti dell’area amministrativa/contabile. Loro ci hanno indicato ben 4 competenze chiave necessarie. Vediamole insieme.

 

Prima di tutto, cosa fa un addetto paghe? Si occupa solo di calcolo buste paga?

L’addetto paghe e contributi gestisce il sistema di remunerazione dei dipendenti applicando in modo pratico quanto viene stabilito dagli obblighi di legge contributivi, assicurativi, amministrativi e fiscali. Tale figura rientra nell’area professionale dell’amministrazione del personale.

In pratica assicura la corretta gestione di tutti gli aspetti connessi al rapporto di lavoro dal punto di vista contrattuale e remunerativo, dall’assunzione alla cessazione del rapporto.

Le sue principali mansioni sono:

  • elaborazione buste paga;
  • gestione ferie, straordinari, maternità, congedi e aspettative;
  • rilevamento delle presenze;
  • registrazione note spese;
  • monitoraggio e analisi del costo del lavoro;
  • gestione dei rapporti previdenziali e integrativi;
  • pratiche di assunzione/cessazione;
  • pensioni e liquidazioni.

Inoltre l’addetto paghe e contributi risolve problemi connessi alla gestione amministrativa risorse umane e collabora anche nel pianificare lo sviluppo informatico e gestionale per assicurare efficienza in tale reparto.

 

Quanto guadagna un addetto paghe e contributi?

Secondo i dati raccolti dal portale lavoro Talent.com, lo stipendio medio per un addetto paghe contributi in Italia è di 22.900€ l’anno o 11.74€ l’ora.

Le prime esperienze percepiscono uno stipendio di 15.600€ all’anno, mentre i lavoratori con più anni di onorato servizio guadagnano fino a 28.000€ all’anno (fonte “Stipendio Addetto Paghe Contributi in Italia“).

 

Competenze chiave per lavorare come addetto paghe oggi

Vediamo ora quali sono le competenze fondamentali da avere se vuoi lavorare nel settore amministrativo e per l’elaborazione del cedolino paga.

1) Saper usare gestionali paghe noti del settore

Per elaborare una busta paga bisogna partire dalla retribuzione lorda, per poi specificare le imposte INPS e IRPEF, le addizionali regionali/comunali, le detrazioni da lavoro e la retribuzione netta spettante all’impiegato.

Non è un’operazione semplice. All’interno di un modello busta paga bisogna conoscere e inserire i dati dell’azienda, del lavoratore e del rapporto di lavoro. Ma per poter effettuare tutto questo, aziende, studi e attività in generale utilizzano software paghe a pagamento. Saper utilizzare un gestionale è fondamentale, ma richiede ovviamente una certa preparazione in ambito fiscale.

Tra i gestionali più noti abbiamo:

Sono tutti validi, completi, veloci. La scelta differisce solo per uso aziendale e per i costi.

Oltre a saper usare un gestionale buste paghe è necessario possedere una buona conoscenza informatica. Dalla gestione delle email, alla navigazione online, dall’uso di excel all’uso di un crm. Un addetto paghe deve possedere ottime digital skills.

2) Conoscere i principali contratti collettivi nazionali di lavoro (CCNL)

Ogni settore è disciplinato da un proprio contratto di lavoro. Il CCNL regolamenta tutti i parametri contrattuali e retributivi: livelli, RAL, ferie, malattia, permessi, TFR, gravidanza, maternità, congedo parentale e modalità per le dimissioni. 

Il CCNL di ciascuna categoria viene rinnovato periodicamente:

  • ogni due anni per la parte economica;
  • ogni quattro anni per la parte normativa.

Bisogna quindi essere sempre aggiornati e conoscere tutti i cambiamenti e le modifiche.

3) Conoscere le disposizioni normative in materia di amministrazione del personale

E’ necessario conoscere gli obblighi giuridici e amministrativi relativi alla gestione del personale.

Obblighi che riguardano gli enti e i dipendenti:

  • gli inquadramenti aziendali e gli obblighi contributivi e fiscali verso: INPS, INAIL, Agenzia delle entrate, centro per l’impiego;
  • la previdenza integrativa e le casse sanitarie;
  • i Registri obbligatori – Libro Unico Lavoro.

Valutare e scegliere le azioni e gli interventi idonei per tutto ciò che riguarda il rapporto di lavoro. Conoscere le più recenti normative ci aiuta a evitare sanzioni e trovare le giuste soluzioni per i dipendenti e l’azienda.

4) Attenzione e precisione

Si trattano di Soft Skills che vanno gestite con particolare attenzione, senza esagerare, ma che se vengono applicate adeguatamente si rivelano essenziale per il ruolo da ricoprire.

Puoi essere preciso e veloce allo stesso tempo? Certo, con consapevolezza e con costanza potrai arrivare ad agire nello stesso tempo con precisione, accuratezza e rapidità.
Sono caratteristiche molto apprezzate e molto ricercate

 

Come diventare Addetto Paghe e contributi

Ma come si diventa addetto paghe? Il titolo di studio richiesto è il diploma di istituto tecnico commerciale (ragioneria), che permette di approfondire materie di tipo economico-amministrativo, diritto e informatica di base. Anche una laurea nel settore economico-giuridico è molto apprezzata, soprattutto nelle realtà aziendali più grandi e complesse.

Tuttavia si può scegliere di seguire un corso paghe e contributi, pratico e completo, in grado di fornire una formazione completa per quanto riguarda l’amministrazione del personale, il diritto del lavoro, e che mostri come utilizzare un gestionale paghe. 

Il settore HR è in costante evoluzione, quindi aggiornamento e formazione continua sono un altro aspetto importante da non trascurare mai.

Per acquisire tutte le competenze necessarie, TSS, società di formazione e inserimento lavoro, consiglia il corso paghe e contributi on line. Le lezioni sono in diretta, ma potrai rivederle tutte le volte che vuoi con le registrazioni, così da poter fare un ripasso e rivedere i singoli passaggi operativi o le informazioni rilevanti per il tuo lavoro.

E’ un percorso completo. Potrai studiare e analizzare tutti i principali rapporti di lavoro e le tipologie contrattuali, come sviluppare cedolini busta paga, analizzare il costo del lavoro, approfondire la disciplina dei principali CCNL e usare un gestionale. 

Scopri il percorso paghe e contributi e per maggiori informazioni contattaci al nr. 02 4004 3176

 

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ricevi aggiornamenti e impara dai migliori
Altri articoli

Richiedi informazioni

Leggi i termini prima di proseguire

TSS utilizzerà le informazioni fornite in questo modulo per essere in contatto con voi e per fornire aggiornamenti. Per favore fateci sapere tutti i modi in cui vorreste rimanere in contatto.

DOWNLOAD TEMPLATE CV

DOWNLOAD TEMPLATE CV