TSS Formazione e Lavoro

7 competenze chiave per lavorare come Web Designer

Quali sono le competenze chiave utili per lavorare come Web Designer? Come gestire al meglio i siti web e distinguersi dalla concorrenza? Le risposte qui.
Condividi l'articolo
Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email

Quando parliamo di design for web a cosa pensi? Solo grafiche siti web? Il web designer è una figura professionale molto complessa. Deve sì dare spazio alla propria creatività, ma anche curare gli aspetti tecnici di siti, blog, e-commerce, portali web etc. Deve curare i rapporti con aziende e clienti ed essere sempre aggiornato sul settore. Un mix di tecnica, precisione, empatia, sensibilità.

Ti stai chiedendo come diventare designer e quali skills bisogna possedere per lavorare in questo settore? Allora sei atterrato nella pagina giusta. Abbiamo chiesto ai nostri docenti esperti in web design e web marketing, quali sono le competenze chiave fondamentali per svolgere questo lavoro. Ne hanno segnalate 7, vediamole insieme.

 

Prima di tutto parliamo di web designer lavoro!

Partiamo da chi è e cosa fa. Un Web Designer progetta e crea siti internet. Cura l’aspetto grafico/visuale, gli aspetti tecnici e cerca di rendere tutto più coinvolgente per il pubblico, con semplicità e ingegno.

Ma cosa fa esattamente? Analizza le esigenze di aziende, organizzazioni e professionisti che vogliono avere un proprio sito per sviluppare il proprio business e farsi conoscere da potenziali clienti. Durante una consulenza per analizzare il fabbisogno è necessario affrontare 4 punti fondamentali:

  1. budget a disposizione;
  2. funzionalità richieste;
  3. contenuti da sviluppare;
  4. target di riferimento (a quale pubblico ci rivolgiamo).

Questi aspetti sono decisivi per comprendere gli obiettivi che si vogliono raggiungere, le potenzialità del progetto e l’investimento necessario per ottenere risultati concreti.

il Web Designer progetta l’architettura del sito e la struttura della sitemap. Passa poi al design dell’UIUser Interface (interfaccia utenti), cioè gli elementi grafici ed estetici per interagire con il sito e con i suoi contenuti: tasti, menu, caselle di ricerca, link, icone, barre di scorrimento laterale. 

La grafica di una pagina web sono una caratteristica importante: un aspetto estetico attraente e coinvolgente cattura l’attenzione e invoglia gli utenti a continuare la navigazione, prima ancora delle informazioni contenute. Il font del testo, i colori, il layout web, le immagini, tutti gli elementi grafici di un sito sono pensati in relazione al pubblico di riferimento e alle finalità di progettazione.

Altro aspetto fondamentale è l’usabilità: informazioni accessibili, navigazione chiara e intuitiva, struttura  semplice. Questi elementi fanno parte della UX – User Experience (esperienza utente).

Completata la fase di design e progettazione si passa alla creazione vera e propria del sito web, che può essere sviluppato in codice HTML o tramite piattaforme come WordPress (Il 42% dei siti web usa la tecnologia WordPress, dai nuovi blogger ai brand più importanti). Il Web Designer deve assicurarsi che sia fruibile in versione mobile e desktop (responsive).

 

Quanto guadagna un web designer

Secondo quanto riportato dal portale di ricerca lavoro Jobbydoo, in Italia lo stipendio medio di un Web designer è di 1.500€ netti al mese (circa 27.400 € lordi all’anno).

La retribuzione di un Web Designer può partire da uno stipendio minimo di 1.100€ netti al mese, mentre lo stipendio massimo può superare i 2.300€ netti al mese (fonte “Stipendio del Web Designer“).

Un Web Designer junior (meno di 3 anni di esperienza) può avere  uno stipendio medio complessivo di circa 1.360€ netti al mese. Un Web Designer a metà carriera (4-9 anni di esperienza), può avere uno stipendio medio di circa 1.670€, mentre un Web Designer senior (10-20 anni di esperienza) guadagna in media 1.800€. 

 

Competenze chiave per un web designer

Vediamo ora quali sono le competenze fondamentali da avere se vuoi lavorare nel settore website design.

1) Conoscere e codificare il linguaggio HTML, CSS e Javascript

HTML – HyperText Markup Language è un linguaggio di markup. Serve per la formattazione e impaginazione di documenti ipertestuali disponibili nel web. Descrive semanticamente la struttura di un documento web attraverso tag, cioè dei “codici” inseriti tra parentesi angolari () che trasmettono una certa informazione strutturale e che possono marcare il documento in generale, o essere usati per formattare varie elementi della nostra pagina. Ad esempio possiamo identificare una sezione di testo come intestazione, paragrafo, elenco, collegamento, citazione o altro elemento.

CSS – Cascading Style Sheets è un linguaggio usato per definire la formattazione di documenti HTML, XHTML e XML. L’introduzione del CSSi è stata resa necessaria per separare i contenuti delle pagine HTML dalla loro formattazione e permettere una programmazione più chiara e facile da utilizzare. Le classi CSS sono usate per specificare attributi grafici come font, dimensione, colore, spaziatura, bordo e posizione degli elementi. 

Javascript è un linguaggio di scripting utilizzato per rendere interattive le pagine web. Gestisce il comportamento degli elementi dinamici di un sito web, ovvero come il contenuto (HTML) e lo stile grafico (CSS) reagiscono e si modificano sulla pagina web in base a determinate azioni (con il mouse, la tastiera, il caricamento della pagina ecc…)

Devi conoscere bene questi linguaggi e apprendere come impostarli nel modo corretto se vogliamo realizzare un sito web.

 

2) Conoscere e saper usare i CMS (come WordPress)

CMS – Content Management System è un applicativo web per la gestione dei contenuti di un sito che permette di gestire la creazione, modifica e cancellazione di contenuti senza che gli stessi abbiano competenze html o più in generale di programmazione. Danno il grande vantaggio di gestire in totale autonomia il proprio progetto web senza dover disporre di competenze di programmazione e, non ultimo, se ben progettato, di garantire lunga vita al progetto, visto che sarà possibile modificare l’interfaccia grafica senza dover rifare tutto da zero.

Ne esistono diversi sul mercato pronti all’uso, siano essi open source piuttosto che a pagamento. Ognuno di loro è stato progettato per un utilizzo specifico, quindi bisogna studiarli bene e capire quale possa fare al caso tuo per il progetto che vuoi realizzare. Ad esempio esistono CMS per i blog, per community, per progetti editoriali, per la gestione di documentazione, per e-commerce ecc. Senza un’analisi delle esigenze potresti trovarti con un sistema di gestione autonoma dei contenuti estremamente funzionale in una prima fase, ma estremamente limitato nel gestire altre future esigenze.

WordPress è il più diffuso tra tutti. Facile da utilizzare, semplice e completo, consente di implementare autonomamente pagine web e di modificarne i contenuti. In più esiste una vasta scelta di plugin (codici o programmi che interagiscono con per ampliare le funzionalità del proprio sito), reperibili e facilmente configurabili che garantiscono, anche ai meno esperti, la possibilità di interagire in modo professionale con il proprio sito web.

Altro grande vantaggio di WordPress è la possibilità di acquistare moltissimi template (cioè progetti web preconfezionati, grafica compresa). Modificare pertanto il vostro sito web basato su WordPress CMS sarà semplice e vi consentirà di mantenere inalterate le funzionalità, nonché i contenuti precedentemente inseriti.

E’ indubbiamente una scelta ottimale che semplifica la vita di tanti web designer e consente la possibilità di poter poi passare la gestione del sito anche a chi non è esperto della materia, ovviamente fornendo quel minimo di informazioni e di formazione necessari per poterlo gestire autonomamente.

 

3) Conoscenza dei principi di usabilità dei siti internet

Il concetto di usabilità è molto importante nel web. Gli utenti quando navigano hanno fretta, devono trovare i contenuti di cui hanno bisogno in poco tempo e se non li trovano potrebbero abbandonare il sito in poco tempo. Non raggiungiamo l’obiettivo prefissato e veniamo anche penalizzati da mister Google.

I principi base di usabilità applicata al mondo dei siti web sono semplici:

  • Velocità – se un sito web non è veloce l’esperienza utente non potrà mai essere buona.
    Un rallentamento può portare a un calo di visibilità e anche delle vendite. Per essere veloci prima di tutto assicurati che l’hosting (un servizio di rete che alloca su un server web delle pagine web di un sito web o di un’applicazione web, rendendolo così accessibile dalla rete Internet e ai suoi utenti) sia adeguato alle tue necessità. Attenzione ai contenuti che vengono caricati: possono penalizzare le performance del sito (in particolare le immagini e i video). Ad nel banner con immagini a scorrimento presente in home page non si devono caricare più di 3 o 4 immagini, altrimenti il caricamento della pagina sarà più lento.
  • Informazioni facili da reperire – L’utente arriva sul sito in cerca di informazioni ed ha bisogno di trovarle nel minor tempo possibile. Alcune regole base: Menu principale ad esempio, posizionato in alto nella pagina o, in alternativa, a sinistra. Logo aziendale posizionato a sinistra o in centro nella parte alta della pagina, reso cliccabile in modo che punti alla home page. Link evidenti (con un colore diverso dal testo oppure sottolineati). Facilità di reperimento delle informazioni di contatto (footer oppure direttamente nella pagina di contatto). Form di richiesta informazioni facilmente reperibile.
  • Far compiere determinate azioni nel modo più semplice – I contenuti del sito devono essere chiari in modo da far focalizzare l’attenzione dell’utente dove si vuole. Importante creare delle CTA – call to action​ mirate, cioè dei tasti o link che portano l’utente a far compiere un’azione ben chiara – prenota ora, scarica l’ebook, iscriviti, acquista.
  • Semplicità – cerca di spezzare i testi lunghi in paragrafi e mettere dei sottotitoli per separare le varie sezioni. Realizza pagine simili e con simili funzionalità. Non usare troppi colori perché confondono e distolgono l’attenzione. Usa caratteri facilmente leggibili e al massimo di 3 tipi diversi, con 3 differenti grandezze. Aggiungi elementi grafici solo se aiutano l’utente a eseguire funzioni specifiche.

4) Saper usare programmi di elaborazione grafica (Photoshop, Illustrator)

Tutti li conosciamo, pochi sanno davvero usarli. Un web designer deve conoscerli e saperli usare come si deve. Photoshop per creare, elaborare, modificare e ottimizzare immagini digitali, fotografie, illustrazioni e video. Illustrator per creare depliant, manifesti, brochure, volantini, cartelloni, loghi, icone e molto altro, che volendo vengono poi sfruttati anche per i canali digitali.

 

5) SEO – Search Engine Optimization

Vuol dire ottimizzazione per i motori di ricerca e si intendono tutte quelle tecniche volte a migliorare la visibilità di un sito web sui motori di ricerca come Google al fine di migliorare o mantenere il posizionamento nella SERP – Search Engine Result Page, cioè nelle pagine dei risultati di ricerca. 

L’ottimizzazione può essere:

  • On-site – include le operazioni tecniche che vengono effettuate sul codice e sui contenuti delle pagine web, nonché sulla struttura ipertestuale complessiva.
  • Off-site – è l’attività esterna al sito, solitamente effettuata con tecniche di link building (hanno lo scopo di aumentare il numero di link in ingresso a un sito web con link di qualità, provenienti da siti web autorevoli), diffusione di comunicati stampa e campagne di article marketing di qualità.

Un Web designer sa bene che il SEO è un aspetto fondamentale per i siti web. E’ necessario quindi conoscere la SEO tecnica, saper analizzare e utilizzare keywords pertinenti al proprio business, analizzare le performance e le implementazioni.

 

6) Saper lavorare in team

Non può pensare di fare tutto da solo, è soprattutto un gioco di squadra. Infatti, a seconda della complessità del progetto, il Web Designer deve collabora con altre figure specializzate come il Web Developer e gli sviluppatori front-end e back-end, per gli aspetti di programmazione del sito. Si coordina anche con Copywriters, Videomakers, Ppc specialist, social media manager e altri professionisti per la realizzazione dei contenuti da inserire nel sito.

Quindi prima di tutto bisogna conoscere bene il team di lavoro e soprattutto i singoli ruoli che vengono svolti, poi bisogna trasmettere agli altri le proprie mansioni e far comprendere che un sito web di valore nasce solo dall’unione di più professionisti che si pongono un obiettivo comune e che realizzano un prodotto che possa far parte di una strategia multicanale di successo (social media marketing, email marketing, search & display per i motori di ricerca…).

 

7) Preciso, affidabile, chiaro nelle spiegazioni 

Questi 3 elementi li racchiudiamo come un’unica competenza perchè sono strettamente connessi tra loro. Un web designer che sappia distinguersi deve:

  • essere preciso nel suo lavoro –  analizzare ogni singolo aspetto tecnico, difficoltà, potenzialità del sito;
  • affidabile nel realizzare quanto il cliente richiede e in base agli obiettivi che vengono stabiliti; 
  • chiaro nel spiegare per filo e per segno al cliente le operazioni che verranno svolte, i servizi inclusi e non, senza entrare troppo negli aspetti tecnici.

Ricordati che prima della programmazione informatica, prima della grafica, della creatività, del design, c’è il rapporto umano.

 

Come diventare Web designer

Per svolgere questa professione, solitamente si richiede una laurea in Informatica. Esistono però anche dei corsi web design completi in cui si affrontano tutte le fasi della realizzazione di un sito Internet fino alla messa online e si apprende l’uso delle tecnologie necessarie per la progettazione web (HTML e CSS, Photoshop, Illustrator). Quindi la laurea non è un requisito fondamentale!

Nella ricerca del lavoro è molto importante per il Web Designer dimostrare le proprie abilità. Per questo è fondamentale costruirsi un portfolio progetti migliori, e acquisire certificazioni delle proprie competenze.

Per acquisire tutte le competenze necessarie, noi di TSS, società di formazione e inserimento lavoro, consigliamo il corso Web Design online, con lezioni in diretta della durata di 40 ore. per mostrare tutto, ma proprio tutto quello che devi conoscere sul design for web

Scopri il percorso e la prossima data di partenza – Web Design.

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ricevi aggiornamenti e impara dai migliori
Altri articoli

Richiedi informazioni

Leggi i termini prima di proseguire

TSS utilizzerà le informazioni fornite in questo modulo per essere in contatto con voi e per fornire aggiornamenti. Per favore fateci sapere tutti i modi in cui vorreste rimanere in contatto.

DOWNLOAD TEMPLATE CV

DOWNLOAD TEMPLATE CV