INTERVISTA PIETRO CARIBONI – QUALUNQUEMENTE MERATE

INTERVISTA PIETRO CARIBONI – QUALUNQUEMENTE MERATE

Pietro Cariboni, ex corsista SAB di Milano, ci racconta di come in poco tempo sia passato
da semplice “dipendente” ad “imprenditore di successo”.
In un momento di crisi finanziaria della sua ex azienda, insieme alla sua collega ed amica Giada Romagnolo,
decide di dare una svolta alla sua vita e di intraprendere il suo cammino verso la libera professione.”

Storia

Lavoravo in un’azienda metalmeccanica da molti anni insieme alla mia attuale socia, ma dopo esserci resi conto che da lì a breve l’azienda avrebbe chiuso, abbiamo iniziato a pensare a come poter uscire dalla quella situazione lavorativa che stava per diventare precaria. Lo spirito allegro e solare che ci accomuna, ci ha fatto pensare subito ad un locale di intrattenimento serale per i ragazzi nella zona di Merate. Da lì l’idea di aprire una chupiteria, con il nome della catena in franchising “QUALUNQUEMENTE”.

Pietro Cariboni

Ci parli del tuo progetto? Cosa hai voluto realizzare?

Qualunquemente Merate è un locale di intrattenimento serale, ideato nella speranza di diventare un luogo di ritrovo per tutti i giovani della zona.

Pietro Cariboni

Quando hai aperto la tua attività? Dove si trova?

Abbiamo aperto l’attività il 21 dicembre 2016, anche se l’inaugurazione ufficiale è stata il 14 gennaio 2017. Si trova in Via Como 21 a Merate.

Pietro Cariboni

Quali sono i fattori che ti rendono differente? Su cosa basi il tuo successo commerciale?

I locali nella zona sono prevalentemente bar o birrerie, mentre noi ci siamo specializzati nell’offrire cocktail e chupiti particolari, che si presentano anche in maniera originale. Inoltre quello che ci caratterizza è l’organizzazione delle serate a tema e con Dj Set. Abbiamo già avuto successo nelle serate come il “KARAOKE ALTERNATIVO”, la “ TOMBOLA ALCOLICA” o il “BEER PONG”, uniche nel loro genere.

Pietro Cariboni

Hai incontrato difficoltà iniziali? Se si di che tipo?”

Provenendo da un settore completamente diverso ho dovuto studiare molto, non sapevo minimamente da dove cominciare per la realizzazione dei cocktail. Inoltre non è stato semplice entrare nell’ottica di dover gestire un’attività, dei dipendenti e capire quali fossero i trend che funzionassero di più.

Pietro Cariboni

Come hai risolto le difficoltà iniziali?

Ho studiato e provato molte volte prima di imparare a realizzare buoni chupiti e cocktail. Sulla gestione dell’attività invece mi sono informato su tutto quello che si doveva fare e piano piano abbiamo risolto tutte le difficoltà, arrivando ad ottenere oggi un bell’equilibrio sia di organizzazione che con il mio Staff.

Pietro Cariboni

Che tipo di imprenditore sei?

Sono dell’idea che con le buone maniere si può ottenere tutto, con il mio staff abbiamo trovato un bell’equilibrio, basato sulla fiducia reciproca. Tutti possono e devono fare tutto.

Pietro Cariboni

Quali sono i drink di tua specialità? Cosa proponi ai clienti che si approcciano ai tuoi prodotti per la prima volta?

I chupiti che vanno per la maggiore sono “ IL CERVELLETTO” (composto da un fondo di sciroppo, liquore alla pesca e Baileys) ed “ESTATE” (composto di sciroppo alla fragola, crema di cocco e Midori).

Pietro Cariboni

Con quali prospettive guardi al tuo futuro? Come ti piacerebbe sviluppare il tuo progetto da ora a 5 anni?

Non ho grosse aspirazioni in questo momento, forse perché sono un po’ superstizioso, ma spero che l’attività continui ad andare sempre meglio; se continueremo a pieni ritmi, presto ci servirà nuova forza lavoro!

Pietro Cariboni

Come valuti la tua esperienza in TSS? Cosa ti è servito apprendere durante il corso che hai seguito?

Per chi come me si approccia per la prima volta in questo settore, di certo è stato fondamentale apprendere le basi formative per la trattazione e l’igiene degli alimenti. Inoltre ho trovato dei professionisti molto disponibili che mi hanno seguito anche nella redazione del Business Plan e nell’adempimento degli obblighi in materia di Sicurezza sui luoghi di lavoro.

Pietro Cariboni

Che consiglio daresti a chi come te ora si approccia ad avviare una nuova attività?

Consiglierei di tenere duro, anche nei momenti di grossa difficoltà (e ce ne saranno tanti!), e di non smettere di crederci e di sognare… perché prima o poi le soddisfazioni arrivano per tutti!

Pietro Cariboni

Qual è l’insegnamento più grande che hai ricevuto nel corso di questa tua nuova avventura?

A dispetto di quelli che sono i luoghi comuni, mi sono seriamente ricreduto sulle nuove generazioni. I giovani di oggi sono molto più responsabili e coscienziosi di quello che si crede, insegnano che con la vita non si gioca, specialmente per un sorso di troppo.

Pietro Cariboni
Share This