TSS Formazione e Lavoro

Sicurezza sul lavoro coronavirus: come ripartono le aziende

Come garantire la prosecuzione delle attività produttive con il protocollo di sicurezza anti contagio coronavirus italia. Ecco la procedura da seguire.
Condividi l'articolo
Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email

Tutte le aziende, in relazione alle situazioni di pericolo venutesi a creare con la diffusione del Coronavirus ed in conformità alle recenti disposizioni legislative, sono tenute ad adottare una serie di misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del nuovo coronavirus negli ambienti di lavoro.

Tutto questo è stato disciplinato con apposito Protocollo che illustra tutte le misure di sicurezza che devono essere adottate dai propri dipendenti e da tutti coloro che accedono all’interno dei locali aziendali.

La mancata attuazione del protocollo che non assicuri adeguati livelli di protezione determina la sospensione delle attività fino al ripristino delle condizioni di sicurezza.

Protocollo sicurezza lavoro anti contagio Covid-19

L’Obiettivo prioritario è coniugare la prosecuzione delle attività commerciali e produttive garantendo condizioni di salubrità e sicurezza degli ambienti di lavoro e delle modalità lavorative. A tal riguardo, vengono forniti tutti gli accorgimenti necessari che devono essere adottati per contrastare la diffusione del Covid-19.

Il Protocollo che stabilisce la sicurezza sui luoghi di lavoro deve far riferimento ai seguenti 13 punti, dettagliando quelle che sono le misure necessarie per poter svolgere l’attività lavorativa nel rispetto delle norme di Sicurezza anti-contagio da Covid-19:

  1. informazioni da esporre in Azienda;
  2. modalità di ingresso in Azienda dei dipendenti;
  3. modalità di accesso dei fornitori esterni;
  4. pulizie e Sanificazioni dei locali Aziendali;
  5. precauzioni igieniche sanitarie;
  6. dispositivi di protezione individuale;
  7. gestione degli Spazi Comuni;
  8. organizzazione aziendale;
  9. gestione entrata/uscita dipendenti;
  10. spostamenti interni, eventi e formazione;  
  11. gestione persona sintomatica in Azienda;
  12. sorveglianza Sanitaria;
  13. istituzione comitato di verifica del protocollo. 

Considerando che la dimensione del fenomeno epidemico interessa più ambiti lavorativi sul territorio nazionale, sono necessarie misure volte a garantire uniformità nell’attuazione dei programmi di prevenzione elaborati.

…e nello specifico?

L’azienda deve:

  • impegnarsi a divulgare, attraverso apposite note scritte e insegne, tutte le informazioni necessarie alla tutela della salute e della sicurezza delle persone presenti in azienda;
  • eseguire operazioni di controllo della temperatura corporea verificando che non sia superiore ai 37,5° nel pieno rispetto della privacy;
  • indicare le procedure e le regole di ingresso nei locali e negli spazi della propria unità produttiva tenendo conto di ogni singola organizzazione interna;
  • dedicare particolare attenzione alla pulizia dei locali comuni (mensa, bar, erogatori automatici, etc…) e delle installazioni (porte, mancorrenti, finestre, …) dove c’è maggiore possibilità di contatto;
  • ricordare le principali misure igienico sanitarie tra cui il continuo lavaggio delle mani con acqua e sapone;
  • mettere a disposizione di tutto il personale mascherine chirurgiche;
  • dichiarare che tutte le azioni indicate dal Protocollo sicurezza anti contagio Covid-19 sono funzionali ad individuare gli aspetti organizzativi e produttivi che possono essere limitati, ridotti o sospesi in quanto non incidenti sull’attività produttiva;
  • costituire il Comitato per l’applicazione e la verifica delle regole del Protocollo negli ambienti di lavoro.

Come poter applicare il protocollo sicurezza per la propria attività?

Quelle che abbiamo analizzato sono tutte le misure da dover rigorosamente applicare per la propria attività. E’ ovvio però che ogni realtà lavorativa è differente, quindi dobbiamo tener conto di tutta una serie di aspetti: 

  • tipologia di attività;
  • ambienti di lavoro;
  • attrezzature e macchinari;
  • numero di dipendenti;
  • accesso ai clienti;
  • contatti con i fornitori.

Di conseguenza possiamo seguire delle linee guida comuni ma non possiamo generalizzare il protocollo per ogni singola attività. 

Infatti per assicurare la tutela dei lavoratori ed evitare la sospensione dell’attività per mancata o non corretta attuazione del protocollo di sicurezza, è necessario affidarsi ad esperti del settore in grado di analizzare gli ambienti di lavoro e stabilire le norme così come i limiti da dover rispettare.

TSS, società di consulenza e formazione, organizza degli incontri GRATUITI per informare e discutere insieme su quelli che dovranno essere gli accorgimenti da seguire e rispettare per la propria attività. 

Se vuoi comprendere come attuare il protocollo di sicurezza specifico per la tua impresa puoi contattarci al nr.verde 800 300 818 o scriverci a soluzioni@targetsolution.it.

La sicurezza è la nostra priorità, ora come sempre!

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ricevi aggiornamenti e impara dai migliori
Altri articoli

Richiedi informazioni

Leggi i termini prima di proseguire

TSS utilizzerà le informazioni fornite in questo modulo per essere in contatto con voi e per fornire aggiornamenti. Per favore fateci sapere tutti i modi in cui vorreste rimanere in contatto.

TSS Corsi online

La nostra proposta di corsi a distanza: Contabilità, Visual merchandising, Social media marketing, Web Design, Blog, Agg. ASO., Web Marketing turistico