TSS Formazione e Lavoro

I 12 corsi di formazione più utili per trovare lavoro

Quali sono le professioni attualmente più ricercate da parte delle aziende italiane?
Condividi l'articolo
Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email

E quali sono i corsi di formazione professionale da seguire per essere inseriti nel mondo del lavoro?

In base ai dati raccolti da ISTAT nell’ultimo periodo abbiamo stilato una classifica individuando i settori lavorativi con maggiori opportunità in Italia e ben dodici corsi di formazione utili per trovare lavoro, sia per laureati che per diplomati.

Prima uno sguardo agli ultimi dati

I dati ISTAT nell’ultimo periodo parlano chiaro: il tasso di occupazione continua a crescere, portandosi al 58,6%. Tale crescita si concentra tra i lavoratori dipendenti (+200 mila), ma la novità è sicuramente l’aumento tra i giovani: oltre 116 mila occupati tra i 15–34 anni. Una crescita del tutto positiva ma è ancora ben presente un tasso di disoccupazione da record.

La cosa più sconcertante è sapere che non mancano le possibilità, anzi!

Attualmente esistono migliaia di posti di lavoro disponibili, ma non c’è risposta alla domanda per mancanza di candidati specializzati!

Elemento in comune sulle nuove assunzioni dell’ultimo periodo:

Tutti sono stati scelti perché hanno risposto a una offerta di lavoro specifica, conseguita attraverso un percorso formativo specifico.

In virtù dei dati raccolti, per trovare lavoro è fondamentale analizzare tre aspetti:

  1. le esigenze di mercato (cioè cosa ricercano le aziende, quali sono le figure professionali più richieste)
  2. quale potrebbe essere una formazione professionale adeguata che crei una figura specifica di settore (a una offerta di lavoro specifica bisogna rispondere con una preparazione specifica di settore)
  3. i nostri  punti di forza personali (in parole povere per cosa siamo portati, siamo più analitici, più comunicativi, abbiamo un buon rapporto con i numeri, sappiamo ascoltare…).

Analizziamo ora, sempre in base agli ultimi dati raccolti dall’Istituto Nazionale di Statistica, quali sono i settori con maggiori opportunità lavorative e le professioni che non conoscono crisi.

Settore Sanitario

I dati Istat in merito alle statistiche occupazionali sono molto positivi per quanto concerne le Professioni Sanitarie. In particolar modo due figure professionali sono fortemente richieste:

  • Infermieri
  • Ostetriche

Tra le Lauree Triennali i migliori esiti occupazionali  si riscontrano per i corsi di infermieristica e ostetrica. Gli sbocchi lavorativi non riguardano solo le corsie ospedaliere ma anche la dirigenza nelle strutture sanitarie (organizzazione/supervisione delle strutture ed erogazione dei servizi in un’ottica di efficienza ed efficacia), l’insegnamento universitario, la formazione continua, la ricerca nell’ambito di competenza.

Tra le figure professionali più richieste abbiamo anche due profili che non necessitano di titolo universitario:

L’OSS si occupa di assistenza ad anziani e disabili. Nello specifico i suoi compiti sono:

  • somministrazione pasti e cure igieniche;
  • preparazione pasti e somministrazione terapia;
  • rifare i letti, portare i pasti ai pazienti, accompagnare i degenti in bagno e accudirli;
  • cura l’igiene personale e somministra la terapia sotto sorveglianza degli infermieri;
  • trasporto dei pazienti all’interno del presidio ospedaliero utilizzando le apposite carrozzine o i letti;
  • pulisce gli ambienti in cui si trova il malato, aiuta l’infermiere nella pulizia dei malati.

L’ASO invece opera all’interno di struttura medico-odontoiatriche pubbliche e private e ha molteplici funzioni.

L’assistente di studio dentistico è la prima persona con cui il cliente viene a contatto quando si rivolge a uno studio odontoiatrico: accoglie il cliente e svolge una funzione fondamentale nel metterlo a suo agio. Allo stesso tempo, è anche la persona che prepara la postazione di lavoro, i materiali e gli strumenti necessari al dentista per svolgere gli interventi. Durante le sedute con i pazienti, passa gli strumenti al dentista e fornisce assistenza continua. Risistema poi gli strumenti utilizzati  smaltendo i materiali monouso secondo le normative vigenti e sterilizzando e disinfettando quelli riutilizzabili.

Oltre a questo si occupa di gestire la parte amministrativa dello studio: concorda e cura l’agenda degli appuntamenti, gestisce i pagamenti, archivia le cartelle cliniche, controlla le scorte di materiale e prepara gli ordini per le forniture odontoiatriche quando necessario.

Sempre secondo i dati ISTAT abbiamo una difficoltà di reperimento delle risorse decisamente elevata (il 26%) di cui  il 65,5% è dovuto alla mancanza di risposta alla domanda di lavoro. Una percentuale molto elevata che ci fa comprendere di quanto siano necessarie figure di questo tipo.

Sia per diventare OSS che ASO è necessario frequentare dei corsi di formazione che rilascino una qualifica riconosciuta a livello nazionale tramite degli enti formativi riconosciuti dalla regione (1000 ore di corso per gli operatori socio sanitari, 700 ore invece per assistenti di studio odontoiatrico).

Settore Risorse Umane

Le professioni comprese in questa categoria si occupano della selezione e del reclutamento del personale necessario. Definiscono i criteri e i programmi di sviluppo delle carriere, dei compensi, degli investimenti in formazione; studiano e analizzano le modalità di organizzazione del lavoro, individuano i fabbisogni quantitativi e qualitativi di personale e di formazione.

In questo ambito il livello di istruzione richiesto da parte delle aziende è per l’80,2% universitario e per il 19,8% di diploma secondario. Sebbene una laurea sia messa in primissimo piano è necessario anche specializzarsi tramite una formazione professionale specifica di settore. In particolare segnaliamo, come corso di formazione,  HR specialist – il settore sanitario per la gestione e sviluppo del personale presso strutture sanitarie, una figura particolarmente richiesta in questo settore.

Settore Buste paga e contributi

Una figura tra le più ricercate nel mercato italiano dove riscontriamo una elevata difficoltà di reperimento risorse (più del 34%) legato a motivi di mancanza candidature (51,5%) e preparazione inadeguata (48,5%).

Sono tutti coloro che eseguono attività finalizzate alla redazione delle buste paga, raccogliendo ed elaborando dati sulle presenze, le ore di lavoro, le assenze per ferie o per altri motivi e acquisendo la documentazione relativa.

Per ricoprire un ruolo del genere è necessario avere un diploma secondario e una formazione specifica in paghe e contributi con l’obiettivo di acquisire un’immediata operatività nella gestione ed elaborazione della Busta Paga attraverso una didattica incentrata sulle esercitazioni e sullo studio di casi reali.

Settore Digital Marketing

In quest’ultimo periodo l’Italia sente sempre di più l’esigenza di sviluppare il settore Marketing in ambito Digital per tutte le tipologie di attività, dalle PMI alle GDO, per poi passare all’artigianato, il manufatturiero, il turismo, la ristorazione e l’information tecnology.

Le professioni comprese in questa categoria assistono gli specialisti nella definizione di strategie e di ricerche per rilevare il gradimento dei beni e dei servizi commercializzati, le condizioni di mercato e le possibilità di penetrazione commerciale di prodotti o servizi, individuando situazioni di competizione, prezzi e tipologie di consumatori.

Le difficoltà di reperimento risorse superano il 31%. Di questi il 65,1% è legato a una preparazione inadeguata mentre il 26,7% a una mancanza di candidati.

La bellezza e la difficoltà di questo settore sta nel continuo e costante aggiornamento. Quelle che potevano essere le giuste strategie e strumenti da poter applicare in un dato periodo vengono stravolte dall’evoluzione di mercato e tecnologia. Ecco quindi nascere l’esigenza di una preparazione continua e aggiornata con dei corsi di formazione specifici.

In quest’ambito le figure professionali più richieste da parte delle aziende sono:

  • Consulente SEO. Si occupa di ottimizzazione dei siti per i motori di ricerca
  • Social media managergestisce i contenuti e le piattaforme social media delineando la strategia, la calendarizzazione e la pubblicità online analizzando le performance numeriche e il raggiungimento dei risultati.
  • Responsabile iniziative promozionali. E’ responsabile della gestisce dell’immagine pubblica di un’azienda con l’obbiettivo di incrementare la presenza nei media e la popolarità generale. Propongono strategie e progettano campagne che aiutano a migliorare la reputazione e credibilità. Monitorano la copertura mediatica e utilizzano diversi canali di comunicazione e piattaforme media per promuovere immagine e marchio.
  • Tecnico di marketing e management turistico. Colui che si preoccupa di ideare e realizzare prodotti turistici come i pacchetti di viaggio. Gestisce le fasi operative dell’attività, analizza il mercato, raccoglie dati, elabora statistiche per il mercato, ricerca e valuta preventivi relativi ai servizi turistici, progetta piani di sviluppo e promozione locale.

Tutte queste figure necessitano di un titolo di studio che può essere sia universitario che di diploma secondario. La differenza la fa il singolo individuo e la sua conoscenza in ambito Digital Marketing. Per rispondere a questa mancanza di preparazione adeguata è necessario un continuo aggiornamento mediante corsi di formazione specifici e aggiornati di Web marketing & Communication.

Settore IT (Information Tecnology)

Qui entriamo in un aspetto prettamente tecnico e particolarmente ricercato in virtù dell’evoluzione digitale avuta negli ultimi anni. In particolare le figure IT, ormai indispensabili per le aziende, sono tra i professional profiles  più richiesti dal mercato. In particolare abbiamo due ruoli determinanti:

  • Sviluppatore software. I più ricercati in assoluto in Italia, sono coloro che si occupano di progettare e realizzare soluzioni su piattaforma Microsoft .NET e Java. Le aziende richiedono profili junior con almeno un paio di anni alle spalle di esperienza nello sviluppo software e che abbiano una laurea in informatica o ingegneria Informatica.
  • Tecnico TLC (telecomunicazioni). Si occupa di giunzione e realizzazione di impianti in fibra ottica (FTTS, FFTC, FTTB, FTTH, VDSL); fornisce anche un servizio di assistenza tecnica continua in caso di guasti agli impianti dati e per la fonia. Deve possedere conoscenze sulle diverse tecnologie (architetture FTTx, VDSL, VLAN, struttura degli armadi, funzionamenti degli applicativi GIS e degli apparati Cisco e Huawei). Le aziende richiedono profili junior con almeno un paio di anni di esperienza e con un diploma tecnico, preferibilmente in ambito TLC.

Anche se si tratta di due profili completamente diversi, necessitano entrambi di una formazione costantemente aggiornata e in linea con le esigenze del mercato. E’ possibile infatti individuare dei corsi di formazione di aggiornamento o di specializzazione in determinati rami di settore.

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ricevi aggiornamenti e impara dai migliori
Altri articoli

Utilizziamo i cookie 🍪 per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.